Archivi tag: caldo

Chiudere la porta

Chiudere la porta potrebbe servire.
Ritagliarsi uno spazio, anche.

Stare seduti sul letto, a guardare fuori, in attesa, con il dito incastrato tra le pagine di un libro qualunque. Osservare le foglie degli alberi mosse dal vento. È un vento caldo di settembre. Non è un libro come gli altri.
Lasciarsi dietro possibilità, lasciarle tali. Perdere il tempo o lasciarlo sospeso per un po’,
fin quando non accade qualcosa.

Eppure, tutto profuma di obbligatorio: ogni situazione, ogni sentimento, ogni parola, anche i sogni.
La libertà è rimasta chiusa fuori dalla porta. Quando l’ho chiusa ne ero al corrente.
Non è stata una buona idea chiudere la porta,
lasciare fuori la libertà e chiudersi dentro. Stare seduti sul letto ad aspettare che succeda.

Fuori fa caldo, ma è un caldo fastidioso, che ti fa sudare freddo. È un vento che ti fa ammalare. Ed è successo.
Il rischio, è chiaro, è che entri dentro.

Contrassegnato da tag , , , ,

Cicale

Un suono, un odore, un colore, uno sguardo, un’intenzione, o la percezione del presente, vivo e pulsante, rimanda a un ricordo lontano, concluso. Si accende un sorriso; si allontana un pensiero.

Piacevole, calda, la reminiscenza sfiora la nostalgia e la trasforma in una fievole mestizia.

Le cicale rinviano al vento messaggi da consegnare, dilatano la vertigine che rimembra trascorsi disinvolti, costruiscono un ponte su cui impegnare un cammino e sul quale voltarsi indietro.

Cantanti e autrici, ignare della loro forza, seguono le trame del tempo. Tessono preziosi filamenti che cuciono su misura per chiunque abbia un frammento da portare a galla. Per chiunque abbia un ricordo legato.

Un suono riconduce a una vita trascorsa, calda, giovane.

Contrassegnato da tag , , , ,