Archivi tag: menzogna

L’equivoco (terza parte)

Era solo, ne era certo come era consapevole che lo sarebbe stato ancora per milioni e milioni di anni. La promessa, si disse, la promessa non era stata mantenuta. Dov’era? Dov’era quell’essere che sarebbe dovuto nascere? Perché non era ancora? Il dubbio della menzogna prese forma nelle sue viscere andando ad insinuarsi nel suo ventre. Ma egli non ignorò quella percezione, la ascoltò come si ascolta il pensiero, e decise che avrebbe risposto. Allora si mosse.

Scivolò lungo la crosta e vagò senza una meta alla ricerca di qualcosa che potesse ricondurlo a quelle parole, a quel sussurro. Si trascinò fino alla superficie, ancora una volta, e scoprì che il mondo nel quale si era nascosto stava iniziando a cambiare. Il nero dell’oscurità si stava rischiarando, il fuoco si stava raffreddando, il mare quietando. La terra trovava finalmente pace.
Iniziò ad amare quello stato e non rimpiangere più ciò che era un tempo. Camminò e camminò per milioni di anni e nel suo avanzare assistette al mutamento progressivo. L’aridità scomparve lasciando posto a foreste rigogliose. Il cielo, sopra di lui, cominciò a cambiare e a non urlare più di rabbia. Le nuvole iniziarono a diradarsi e sfumature turchesi a farsi strada
timidamente. Il mare assunse coloriture come il cielo, concedendo alla terra di esprimersi più di quanto non potesse prima. Creature sconosciute iniziarono ad affacciarsi da ogni angolo: dal mare, dal cielo e dalla terra, e lui imparò a conoscerle, a chiamarle per nome, divenendone il signore. Forse non era più solo, pensò. Gli esseri viventi che stava via via incontrando da minuscoli e semplici, con il passare del tempo, divenivano sempre più complessi; ma comunicare con loro risultava impossibile. Ancora una volta era stato preso in giro.

Allora si sedette e attese. Il mondo cambiò e cambiò ancora. Da rigoglioso tornò nuovamente arido, da arido ghiacciato, da ghiacciato rovente come una palla di lava, per poi tornare rigoglioso e ancora gelido. E lui attese, attese che questa creatura si affacciasse e comunicasse con lui. Ma non arrivò.

(continua)

Annunci
Contrassegnato da tag , , ,